HomeExhibitionsIsolated moments

Mostre


In Corso

Non siamo soliti ricordare le cose che accadranno

Serena Vestrucci

16 Nov 2018 — 11 Jan 2019

Future

Archivio

Artissima2018

Mirthe Klück, Marco Andrea Magni, Serena Vestrucci

31 Oct 2018 — 03 Nov 2018
Isolated moments

João Freitas

14 Sep 2018 — 04 Nov 2018
Tears in the rain. Mirthe Klück

Mirthe Klück

04 May 2018 — 06 Jul 2018
miart 2018

Mirthe Klück, Marco Andrea Magni, Eugenia Vanni, Serena Vestrucci

10 Apr 2018 — 13 Jul 2018
Il Paradigma di Kuhn – atto secondo
26 Jan 2018 — 27 Feb 2018
Il Paradigma di Kuhn – atto primo
20 Jan 2018 — 30 Mar 2018
ArtVerona 2017

Marco Andrea Magni, Eugenia Vanni, Serena Vestrucci

12 Oct 2017 — 14 Oct 2017
Ogni colore dipinge se stesso e anche gli altri

Eugenia Vanni

29 Sep 2017 — 10 Nov 2017
Extra Moenia

Helena Hladilovà, Namsal Siedlecki

28 Jun 2017 — 10 Sep 2017
Miart 2017

João Freitas, Marco Andrea Magni, Oscar Abraham Pabón

12 Apr 2017 — 15 Apr 2017
Lo Spazio Punto

Marco Andrea Magni

05 Dec 2016 — 17 Feb 2017
An Archaeology of The Oath

Oscar Abraham Pabón, Eugenia Vanni

30 Sep 2016 — 27 Nov 2016
Notte in Bianco

Serena Vestrucci

01 Apr 2016 — 27 Jun 2016
Lotteria Immanuel

Christian Manuel Zanon

18 Jan 2016 — 03 Mar 2016
Tapping in The Dark

Edith Dekyndt, Sophie Giraux, Mario De Brabandere

21 Sep 2015 — 20 Nov 2015
To Be Titled

João Freitas

01 May 2015 — 24 Jun 2015
Vaalbara

Giovanni Giaretta, Renato Leotta, Cesare Pietroiusti

16 Feb 2015 — 11 Apr 2015
Allegoria #2. La Pittura Oltre se Stessa

Angelo Sarleti, Michele Tocca

18 Sep 2014 — 18 Nov 2014
Point of View Pitture Imperfette

Sara Enrico, Helena Hladilovà, Pietro Manzo, Giovanni Oberti

15 Mar 2014 — 25 May 2014
De Sculptura

Giulio Delvè, Namsal Siedlecki

23 Sep 2013 — 15 Nov 2013
RSVP Arte contemporanea in spazi privati

Emanuele Becheri, Ettore Favini

14 May 2013 — 14 May 2013
Il Primo Giorno di Sole

Serena Fineschi

03 May 2013 — 29 Jun 2013
Genealogia #3

Francesco Carone

08 Mar 2013 — 29 Apr 2013
Più Giovani di Così non si Poteva

Marco Andrea Magni

26 Oct 2012 — 04 Jan 2013
Mein Gebiet

Luca Cutrufelli

21 Jun 2012 — 30 Jul 2012
Genealogia #2

Giovanni Ozzola, Remo Salvadori

16 Mar 2012 — 29 Apr 2012
Genealogia #1

Emanuele Becheri, Carlo Guaita

21 Sep 2011 — 10 Nov 2011

Isolated moments


João Freitas

14 Sep 2018 — 04 Nov 2018
Opening: 14 Sep 2018


In mostra una serie di opere che seguono con coerenza la ricerca dell’artista incentrata sull’uso di materiali estratti dai contesti abituali e proiettati verso una loro alternativa, reale, valenza estetica e concettuale.

Materiali che spesso vengono sottoposti ad interventi di invecchiamento, manipolazione o scarnificazione, come a volerne individuare l’originaria drammatica universalità che il fine utilitaristico dell’oggetto nasconde, fino a cogliere in essi una immagine sospesa tra ricordo e desiderio. Una poetica che si manifesta nella memoria del materiale, a partire dalle caratteristiche sue proprie, nel risultato – o nel residuo - di una trasformazione che porta in superficie la struttura della materia di cui la figura è solo un riflesso transitorio, mutevole come la forma.

I lavori esposti si arricchiscono di una riflessione originata dall’incontro con la natura nella sua coniugazione di creante, deterministico ma casuale. Un dialogo intimo che ricerca una corrispondenza effettiva tra la materia e la variabile che muove l’atto ed il divenire, sospesa tra volontà ed accidente.
Il bisogno di dare una forma all’esistente si arresta di fronte alla consapevolezza di uno sguardo che determina in parte la percezione dell’oggetto. Tuttavia la forma è solo - e la sola - occorrenza della materia. L’immagine sembra quasi il prodotto di scarto di un processo in cui l’elaborazione del metodo segue la misura del tempo biologico e del tempo interiore.
Una convinzione che emerge chiara nell’opera Notes of Comacina, realizzata durante la residenza trascorsa sull’omonima isola del Lago di Como, in cui “l’intento di creare un disegno/ritratto “sincero” della natura e del momento” costringe a rinunciare alla “percezione che influenza il disegno”.

Ogni raffigurazione tradisce, perché svela, la distanza fra natura ed artificio. L’atto creativo è il principio del mutamento come causa di sé. Il gesto artistico sta nel cogliere il fluire della realtà e tutto quello che gli è passato davanti come occasione o necessità. La volontà di allontanarsi sia dall’immagine come elemento passivo del procedimento sia dall’autorialità come compromesso con la materia - avviata a intraprendere il suo percorso autonomo - restituisce opere che sembrano momenti di un ciclo non concluso, ma inevitabile.

Download press release


Alle Mostre