HomeEvexhibitionsVaalbara

Mostre


In Corso

Il Paradigma di Kuhn – atto secondo
27 Jan 2018 — 28 Feb 2018
Il Paradigma di Kuhn – atto primo
21 Jan 2018 — 31 Mar 2018

Future

Archivio

Ogni colore dipinge se stesso e anche gli altri

Eugenia Vanni

30 Sep 2017 — 11 Nov 2017
Extra Moenia

Helena Hladilovà, Namsal Siedlecki

29 Jun 2017 — 11 Sep 2017
Lo Spazio Punto

Marco Andrea Magni

06 Dec 2016 — 18 Feb 2017
An Archaeology of The Oath

Oscar Abraham Pabón, Eugenia Vanni

01 Oct 2016 — 28 Nov 2016
Notte in Bianco

Serena Vestrucci

02 Apr 2016 — 28 Jun 2016
Lotteria Immanuel

Christian Manuel Zanon

19 Jan 2016 — 04 Mar 2016
Tapping in The Dark

Edith Dekyndt, Sophie Giraux, Mario De Brabandere

22 Sep 2015 — 21 Nov 2015
To Be Titled

João Freitas

02 May 2015 — 25 Jun 2015
Vaalbara

Giovanni Giaretta, Renato Leotta, Cesare Pietroiusti

17 Feb 2015 — 12 Apr 2015
Allegoria #2. La Pittura Oltre se Stessa

Angelo Sarleti, Michele Tocca

19 Sep 2014 — 19 Nov 2014
Point of View Pitture Imperfette

Sara Enrico, Helena Hladilovà, Pietro Manzo, Giovanni Oberti

16 Mar 2014 — 26 May 2014
De Sculptura

Giulio Delvè, Namsal Siedlecki

24 Sep 2013 — 16 Nov 2013
Il Primo Giorno di Sole

Serena Fineschi

04 May 2013 — 30 Jun 2013
Genealogia #3

Francesco Carone

09 Mar 2013 — 30 Apr 2013
Più Giovani di Così non si Poteva

Marco Andrea Magni

27 Oct 2012 — 05 Jan 2013
Mein Gebiet

Luca Cutrufelli

22 Jun 2012 — 31 Jul 2012
Genealogia #2

Giovanni Ozzola, Remo Salvadori

17 Mar 2012 — 30 Apr 2012
Genealogia #1

Emanuele Becheri, Carlo Guaita

22 Sep 2011 — 11 Nov 2011

Vaalbara


Giovanni Giaretta, Renato Leotta, Cesare Pietroiusti

17 Feb 2015 — 12 Apr 2015
Opening: 17 Feb 2015


Alcune evidenze scientifiche attuali dimostrerebbero l'effettiva esistenza della Vaalbara, il primo supercontinente che si suppone si sia formato sulla Terra circa tre miliardi di anni fa. La ricostruzione di un protopaesaggio è possibile solamente attraverso le tracce che ha lasciato nel paesaggio visibile, residui di un'epoca che si perde tra gli eoni. L'analisi di queste impronte permette di ipotizzarne le evoluzioni, dalla sua formazione ad oggi, nei termini però di una umana comprensione. Questo luogo d'origine può essere evocato facendo affidamento su quelle certezze che occupano uno spazio liminale fra la realtà e l'ignoto e permettono l'orientamento in un ambiente strutturato su queste due coordinate.
Il paesaggio si mostra e si nasconde, è immobile e mutevole insieme, immaginario ideale e ciclico avvicendamento di momenti riconoscibili in periodi simili distesi sull'asse della memoria. Mappe mentali della nostra consapevolezza, ordine e conforto della nostra coscienza che delineano geografie quotidiane, cosmogonie e massimi sistemi.
Se quello che vedo è quello che conosco, il paesaggio immaginario è forse un tentativo d'intendere lo stesso senza le categorie e le applicazioni umane, un altrove temporale - e temporaneo - che sottintende il cambiamento come forma e materia proprie. I residui di un paesaggio primordiale si riversano in un altro paesaggio a cui l'occhio costantemente si abitua.

Vaalbara inaugura il 14 febbraio alle ore 19 e sarà visibile dal 17 febbraio al 12 aprile in Galleria FuoriCampo. Tra i lavori esposti Effetto Majorana (la solfatara, recording of disapperance) 2014, video inedito, realizzato da Giovanni Giaretta e Renato Leotta, che documenta alcuni esercizi di sparizione nello spazio. Durante il periodo della mostra verrà presentato un contributo di Cesare Pietroiusti.

Download press release


Back to exhibitions